La filanda

Italian Lyrics: Vito Pallavicini; Music Alberto Janes (La filanda e altre storie 1972)

Cos’è, cos’è
che fa andare le filanda
è chiara la faccenda
son quelle come me.

E c’è, e c’è
che ci lascio sul telaio
le lacrime del guaio
di aver amato te.

Perché, perché
eri il figlio del padrone
facevi tentazione
e venni insieme a te.

Così, così
è un sospiro ed uno sbaglio
son qui che aspetto un figlio
e a chiedermi perché.

Tu non vivevi senza me
Ahi l’amore, ahi l’amore
prima sapevi il perché
ahi l’amore che cos’è!

Cos’è, cos’è
questa vita fatta ad esse
tu giri col calesse
ed io non ce l’ho.

Cos’è, cos’è
questo padre che comanda
mi vuole alla filanda
ma non insieme a te.

Cos’è, cos’è
questa grande differenza
se non facevi senza
di questi occhi miei.

Perché, perché
nella mente del padrone
ha il cuore di cotone
la gente come me.

Tu non vivevi senza me
Ahi l’amore, ahi l’amore
prima sapevi il perché
ahi l’amore che cos’è

Ormai lo so
tutto il mondo è una filanda
c’è sempre chi comanda
e chi ubbidirà.

Però, però
se l’amore si fa in due
di queste colpe sue
ne ho anch’io la metà.

Tu non vivevi senza me
Ahi l’amore, ahi l’amore
prima sapevi il perché
ahi l’amore che cos’è.

Ahi l’amore
Ahi l’amore che cos’è!

Translated by:

This song is a cover of Brazilian songwriter Alberto Janes’s (1909-1971) “É ou não é” (here with Amália Rodrigues). Vito Pallavicini’s Italian lyrics (La filanda e altre storie 1972) depart significantly from the original, suiting Milva’s public figure as a champion of women’s rights and workers’ rights. The song won the Gondola d’oro at Venice’s Mostra internazionale di musica leggera in 1972.